HOME PAGE  >  CATALOGO | narrativa  >  Montenegro

  

Bato Tomasevic

Montenegro
Attraverso una saga familiare, la nascita 
e la scomparsa della ex Jugoslavia


Un’avvincente autobiografia, l’intensa saga di una famiglia montenegrina: attraverso il racconto della propria vita e le vicende di familiari e amici, Bato Tomasevic ripercorre un secolo di storia nella complessa realtà della Jugoslavia meridionale. 
Cresciuto nella Cetinje occupata dagli Italiani e dai Tedeschi e giovane soldato nella lotta partigiana, Tomasevic intreccia le sue esperienze personali con i racconti tramandati nella sua famiglia di generazione in generazione, risalendo alle storie, ora tragiche ora eroiche, delle guerre balcaniche e della prima guerra mondiale
Agli orrori del secondo conflitto mondiale, Tomasevic fa seguire la vivida descrizione della Jugoslavia del dopoguerra e della sua esperienza di studente nell’Inghilterra dei primi anni Cinquanta; ritornato a Belgrado nei promettenti anni Sessanta e Settanta, vive e racconta in prima persona la dissoluzione della Federazione jugoslava seguita alla morte di Tito e il conflitto serbo-croato, fino all’arresto del presidente Milosevic. 
È la storia di un uomo e di una famiglia che, con il loro Paese, sono stati coinvolti in un secolo di conflitti violenti e brutali cui non hanno potuto sottrarsi


Bato Tomasevic
, nato nel 1929 da famiglia montenegrina a Mitrovica, in Kosovo, all’età di tredici anni si unì ai partigiani di Tito, vivendo sulla propria pelle gli orrori della seconda guerra mondiale. Nei primi anni Cinquanta si trasferì in Inghilterra, prima come studente, quindi come diplomatico. Rientrato a Belgrado, lavorò per molti anni come giornalista ed editore. Direttore del canale televisivo indipendente e antinazionalista YUTEL con sede a Sarajevo, nel 1991 dovette lasciare in fretta il proprio Paese. 






INFORMAZIONI

> 588 pagine
brossura con alette
illustrato b/n
14x20,5 cm

Traduzione: Stefano Petrovich

ISBN 978-88-8190-252-1
18,00 euro