HOME PAGE  >  CATALOGO | Trieste cultura e tradizioni  >  Nagane & Pantigane

  

Franco Damiani di Vergada

Nagane & Pantigane
Scampoli de triestinità – In dialeto

«Ala fine dei ani ’50 iera sula boca de tuti i “tediboys”, bande de nagane e giovinastri che combinava casini in giro, per solito capegiài de un mezzo delinquente, a volte anca intiero, altre volte solo finto. Nela banda el resto dei muli iera anche muli boni che se fazeva ciapar la man, come che iera un pochi dei sfigài, e qualche lole, no più de uno per banda, che magari gaveva una no so qual particolar destrezza, che valeva la pena de tinirlo, se no altro per mandarlo ’vanti o per ciorlo pel cul quando che i se remenava senza far niente o che i iera in spetatìva de zercar longhi.  
E sto lole serviva anche per domandarghe bori a titolo de anticipo, tipo prèstime (roba mai più tornada), o per pizigarghe tuti i cichini. O ancora per consumarghe tuti i balini del suo Flobert per tirarghe ale pantigane. Nagana senza futuro de nagana, in pratica.» 

Un “reportage” ciolto su nei rioni de Trieste: ciacole popolari, personagi veri che par inventadi, storie inventade che par vere.


Franco Damiani di Vergada xe un mulo del quarantaoto, che ga fato ancora in tempo a vèder le nagane, quele vere. Ghe piasi ciacolar in dialeto e ancor de più scoltar le ciacole dei altri: xe cussì che xe nato sto libreto. Ga scrito altre robe, ma per ’talian: Cent’anni di motociclismo a Trieste (2007), Ossero. Storia, immagini, ricordi (2008) e Una scia lunga 90 anni. La Lega Navale a Trieste (2009).






INFORMAZIONI

152 pagine
brossura
illustrato b/n
> 14x20,5 cm

Illustrazioni: Giorgio Schumann

ISBN 978-88-8190-278-1
14,00 euro