HOME PAGE  >  CATALOGO | musica e arte  >  Giuseppe Rota

  

Annalisa Sandri

Giuseppe Rota
Soavi armonie dalle adriatiche sponde


«Arte e scienza, pensiero e ideale in un mirabile connubio»: così è stato definito Giuseppe Rota, importante figura dell’Ottocento musicale triestino, che fu compositore, maestro concertatore e direttore d’orchestra, ma anche direttore della Cappella Civica di Trieste, teorico e insegnante, e abile concertista di pianoforte e armonium. 
Personalità eclettica e dai molteplici interessi, Rota fu apprezzato da pubblico e critica, distinguendosi anche per il suo impegno a favore dei meno abbienti e quale promotore di un metodo, da lui stesso messo a punto, per donare, mediante la musica, l’uso della parola ai sordomuti. 
In queste pagine viene ripercorsa l’intera vicenda artistica e biografica del musicista triestino, con l’apporto di ampio materiale iconografico perlopiù inedito.


Annalisa Sandri, triestina, è laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Trieste e in Discipline dell’Arte della Musica e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Bologna. È autrice dei volumi: ...E Massenet disse “Bravissimo!!”. Gialdino Gialdini e il suo tempo (2001), L’800 teatrale a Trieste. Scenografi e costumisti (2008) e Toinon Enenkel. Gli aurei tesori di una voce (2009), questi due ultimi pubblicati con Lint.







INFORMAZIONI

> 288 pagine
brossura 
illustrato b/n
17x24 cm


ISBN 978-88-8190-294-1
18,00 euro