HOME PAGE  >  CATALOGO | saggistica  >  Memorie condivise di Mario Vit, uomo e gesuita

  

Le biografia di padre Mario VIt (1933-2013), una intensa 
e profonda storia umana 
e di fede



Caterina Dolcher

Todà (Grazie) 
Memorie condivise di Mario Vit, uomo e gesuita


La società ha bisogno di esempi e la Chiesa di testimoni. Raccogliendo le memorie di moltissimi amici, Caterina Dolcher ha colto il desiderio di testimonianza di padre Mario Vit e ne ha composto la storia: una vicenda umana intensa e ricca di passione per gli uomini, per il Signore e per la Chiesa, di innamoramenti e di incanti per ogni persona e per la natura. 
Coinvolto totalmente nel terremoto culturale del ’68 trentino e nel post-terremoto del Friuli, padre Vit ha poi coraggiosamente affrontato alcuni passaggi chiave nella conduzione delle opere della Compagnia di Gesù a Gorizia, a Padova e infine a Trieste, mai adattandosi a soluzioni di compromesso. 

Mario amava la Chiesa e per questo, con dolore, affrontava le difficoltà postegli dalle gerarchie senza mai arretrare, sentendosi confortato nella sua visione pastorale aperta, dialogica, accogliente e comunitaria dai documenti del Concilio e della Compagnia. Tenero con i “lontani” e provocatorio con i credenti, colpiva per la cordialità, la sobrietà e la fine ironia. Alcuni suoi insegnamenti dicono del suo amore per la fede e la sapienza ebraica che gli valsero addirittura l’appellativo di “ebreo”. 

A tre anni dalla sua scomparsa, dall’intreccio delle memorie e dalle voci dei testimoni emerge come Mario Vit abbia anticipato il tempo della Chiesa di papa Francesco: una Chiesa che parla di pace e non di potere, di dialogo e non di asserzioni, e che, per essere al servizio dei “piccoli”, guarda alle periferie e ai confini, a tutte le Nazareth del mondo.  


Caterina Dolcher, nata nel 1954, è sposata e madre di tre figli. Avvocato, è stata per un breve periodo consigliere regionale e poi difensore civico della Regione fvg. Ha scritto alcuni articoli su tale figura e ha insegnato per alcuni anni all’Università di Trieste. La scrittura di questo libro è il frutto di un lavoro che le era stato affidato dallo stesso Mario Vit, con il quale ha collaborato per molti anni al Centro Veritas di Trieste. Qui, con altri laici, è tuttora impegnata a proseguire il lavoro di approfondimento culturale come impostato da padre Vit, nel segno dell’attenzione alle istanze della cultura laica e della collaborazione e del dialogo con le altre religioni.



INFORMAZIONI

660 pagine
brossura con alette
illustrato b/n
> 14x20,5 cm


ISBN 978-88-8190-347-4
22,00 euro

Prefazione: Pierluigi Di Piazza




STAMPA & MEDIA
---------------
 “Leggere Todà per ricordare Vit” >  Il Piccolo (ed. Gorizia), 04/01/2017